time4 minuti di lettura

CCNL Turismo e Pubblici Esercizi: livelli e retribuzioni

CCNL Turismo e Pubblici Esercizi

Indice dei contenuti

Cos’è il CCNL Turismo e Pubblici Esercizi?Livelli e retribuzioniFerie e permessi

Hai sempre voluto lavorare negli hotel ma non hai conoscenze sul settore? Questo articolo viene in tuo soccorso: ti racconteremo tutto quello che devi sapere sul Contratto Collettivo Nazionale del Turismo per orientarti con consapevolezza verso il tuo prossimo percorso lavorativo.

Cos’è il CCNL Turismo e Pubblici Esercizi?

Il CCNL dei professionisti del settore alberghiero è il contratto collettivo che disciplina i rapporti di lavoro tra le imprese e i lavoratori operanti nel settore turistico. Stipulato dalle associazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale, definisce gli impegni del datore di lavoro e del lavoratore impegnati nel mondo dell’ospitalità, una delle nostre eccellenze italiane.

Aggiornato e approvato 1 gennaio 2018, esso prevede una serie di livelli retributivi, in relazione all'esperienza professionale maturata dal lavoratore e alla qualifica raggiunta, insieme ad una gamma di benefici economici e normativi. In sostanza, individua le mansioni e i relativi profili professionali, nonché le retribuzioni minime percepite. Pubblici esercizi, aziende della ristorazione collettiva e commerciale, stabilimenti balneari, alberghi diurni e rifugi alpini sono tutte le strutture che ospitano i professionisti dell’hotellerie, inquadrati proprio sotto il CCNL del Turismo.

Livelli e retribuzioni

Il CCNL del Turismo prevede 10 diversi livelli di inquadramenti professionali: scopriamoli insieme.

  • Quadro A: inquadrati in questo livello tutti coloro che posseggono grandi responsabilità, autonomia e potere decisionale. Parliamo quindi, ad esempio, dei direttori delle strutture;
  • Quadro B: appartengono a questo livello, ad esempio, i vicedirettori e tutti coloro che pur possedendo funzioni direttive non sono completamente responsabili del business aziendale;
  • 1 livello: rientrano in questa categoria i lavoratori le cui mansioni richiedono autonomia operativa e conoscenze professionali, come ad esempio i responsabili delle business unit di una struttur
  • 2 livello: i lavoratori inquadrati in questo livello sono autonomi nel loro mestiere e godono di potere d’iniziativa e coordinamento, proprio come i responsabili tecnici;
  • 3 livello: rientrano in questo livello i professionisti che possiedono particolari competenze tecniche, come ad esempio chi svolge ruoli di amministrazione e controllo;
  • 4 livello: fanno parte di questo livello i dipendenti che si occupano di specifiche mansioni di natura amministrativa, di vendita e tecnico-pratiche, come ad esempio gli addetti alla segreteria;
  • 5 livello: appartengono a questo livello i lavoratori incaricati di mansioni esecutive che svolgono grazie a conoscenze specifiche, come ad esempio i magazzinieri;
  • 6 livelloS: fanno parte di questo livello i lavoratori che svolgono mansioni di normale complessità, come ad esempio gli addetti ai servizi in camera o i camerieri ai piani;
  • Sesto livello: rientrano in questo livello professionale i lavoratori che svolgono attività pratiche che richiedono conoscenze professionali elementari, come il personale di cucina o di sala;
  • Settimo livello: inquadrati al settimo livello sono tutti quei dipendenti incaricati a svolgere attività manuali semplici, come ad esempio gli addetti alle pulizie alla manutenzione ordinaria.

Per quanto riguarda le retribuzioni, invece, queste variano dal tipo di contesto alberghiero: in generale, si parte da un minimo di 700 euro circa per i dipendenti inquadrati al settimo livello fino ai 2200 euro circa per i quadri, al quale vanno aggiunti gli altri elementi presenti sulla busta paga.

Ferie e permessi

Secondo la legge, il CCNL Turismo prevede un periodo di ferie di 26 giornate retribuite all’anno. Si tratta di un diritto irrinunciabile, che vale per tutti i dipendenti assunti a tempo indeterminato, determinato, ma anche apprendistato. Secondo la disciplina ad oggi in vigore, le ferie devono essere godute per almeno due settimane consecutive e le restanti nei 18 mesi successivi. Devono inoltre essere prese in considerazione su una settimana lavorativa di 6 giorni al posto di 5, come accade in molti altri CCNL.

Per quanto riguarda i permessi, invece, i lavoratori dipendenti inquadrati con il CCNL Pubblici esercizi, ristorazione e turismo hanno diritto a permessi retribuiti da un minimo di 32 ore ad un massimo di 104 ore annuali, che possono arrivare a 108 per gli stabilimenti balneari. Esclusi da questi, i permessi per matrimonio, lutto, diritto allo studio e al congedo per la nascita dei figli, che sono godibili senza fornire alcuna giustificazione.

Abbiamo soddisfatto le tue curiosità? Ovviamente c’è molto di più da raccontare, ma ci penserà il nostro team di HR Admin a darti tutte le risposte che cerchi: tu non devi far altro che scegliere di affidarti a receptionist.it per la ricerca del tuo prossimo lavoro nel mondo hotellerie o hospitality, penseremo noi a tutto il resto.

Inizia subito il tuo prossimo lavoro
Jesolo (VE) - 30016
NovitàScadenza offerta il 17 set 2024
Visualizza offerta

Jesolo (VE) - 30016

1 posizione aperta

Turni nel fine settimana

Part time a tempo det. (3 mesi)

Servizi di Sicurezza

Venezia (VE) - 30121
NovitàScadenza offerta il 17 set 2024
Visualizza offerta

Venezia (VE) - 30121

1 posizione aperta

Turni nel fine settimana

Part time a tempo det. (3 mesi)

Servizi di sicurezza

Milano (MI) - 20121
Scadenza offerta il 15 set 2024
Visualizza offerta

Milano (MI) - 20121

1 posizione aperta

Turni nel fine settimana

Full time a tempo det. (6 mesi)

Hotellerie

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Ci sono un sacco di nuove offerte di lavoro che ti stanno aspettando!

Sceglila di almeno 8 caratteri, per un tema di sicurezza.
Così possiamo mostrarti le opportunità professionali vicine a te.

Potrebbe interessarti…

Vuoi lavorare nel mondo alberghiero? Se la risposta è "sì", non perderti in questo articolo le cinque regole dell’hotellerie per un’accoglienza perfetta, a regola d'arte.

Per lavorare negli hotel e fare carriera una buona conoscenza delle lingue è indispensabile: in questo articolo di receptionist.it scoprirai di più a riguardo!

Hai sempre sognato di lavorare in hotel? Scopri i nostri consigli per prepararti al colloquio e affrontare questo grande momento con serenità!