time3 minuti di lettura

Scopri la classificazione delle strutture ricettive insieme a receptionist.it

Classificazione delle strutture ricettive

Indice dei contenuti

Sappiamo perché sei qui: vuoi diventare protagonista del settore hotellerie e avviare un’attività tutta tua. Ci abbiamo preso? Abbiamo volutamente utilizzato la parola “attività” perché in realtà esistono diverse tipologie di strutture appartenenti al mondo alberghiero, non solo gli hotel. Quindi - prima di iniziare a sognare - è necessario capire a quale categoria appartiene la struttura che intendi aprire, in modo da adeguare i servizi offerti e conformarsi alle normative vigenti. Noi siamo qui per raccontartele tutte, così che tu possa scegliere con consapevolezza. ​​

Tutte le varie tipologie di strutture ricettive

Iniziamo con una premessa: in Italia la responsabilità di classificare le strutture ricettive all’interno di un territorio spetta alla Regione. Quindi - per fartela semplice - Lombardia e Lazio potrebbero non avere le stesse opinioni in merito. In realtà tutte le Regioni della nostra bella Penisola si sono ispirate al Codice del Turismo, che nel suo articolo 14 ne aveva individuate quattro. Pronti per una carrellata di strutture ricettive? Scoprile insieme a noi.

Strutture ricettive alberghiere e paralberghiere

Sicuramente le più note. Rientrano in questa categoria alberghi, motels, villaggi-albergo, residenze turistico alberghiere, alberghi diffusi… Non sono altro che strutture aperte al soggiorno degli ospiti che - oltre all'alloggio - offrono alla propria clientela anche servizi di ristorazione ed altri servizi accessori, come la spa, la lavanderia etc.

Strutture ricettive extralberghiere

Le strutture ricettive extralberghiere offrono agli ospiti che le scelgono sistemazioni di soggiorno che possono prevedere l’aggiunta di servizi accessori, ma non in forma obbligatoria. Al contrario di quelle alberghiere, nelle quali invece sono ordinari. Rientrano in questa categoria bed and breakfast (in forma non imprenditoriale), ostelli, affittacamere, case vacanza, agriturismi, rifugi, foresterie e residenze rurali.

Strutture ricettive all’aperto

Le strutture ricettive all’aperto - come suggerisce il nome - sono esercizi aperti al pubblico attrezzati per il soggiorno temporaneo da parte degli ospiti. Affinché vengano considerate tali devono necessariamente essere poste in aree recintate e sotto il costante controllo di un team di vigilanza per garantire la massima sicurezza. In questa categoria troviamo campeggi, villaggi turistici e parchi di vacanza.

Strutture ricettive di mero supporto

Non se ne parla quasi mai, delle strutture ricettive di mero supporto. Eppure sono molto frequentate. Di cosa si tratta? Di strutture messe a disposizione degli enti locali per coadiuvare il campeggio itinerante, escursionistico e locale. Proprio come le aree di sosta, zone aperte al pubblico destinate a turisti provvisti di mezzi di pernottamento autonomo. Come le tende, ad esempio!

Qualunque sia la tipologia di struttura che desideri aprire, affidati a Jobtech per la ricerca e selezione del personale oppure per l’attivazione di tirocini: ti supporteremo nel trovare le figure professionali di cui hai bisogno, per far crescere il tuo business!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Dal marketing non si scappa. Soprattutto nell'hotellerie, un settore in cui differenziarsi è più che fondamentale: scopri di più in questa guida!
Leggi guida
Il tuo sogno nel cassetto è aprire un hotel ma non hai idea da dove iniziare? Scopri in questa guida costi e requisiti per avviare la tua attività!
Leggi guida