time4 minuti di lettura

Come aprire un hotel: guida ai costi e ai requisiti

Come aprire un hotel

Indice dei contenuti

Aprire un hotel non è una cosa semplice: bisogna essere in grado di sostenere notevoli costi e rispettare determinati requisiti. Ma con una buona dose di passione per il settore, tanta determinazione ed un forte desiderio di mettersi in gioco aprire un hotel può rivelarsi un'esperienza entusiasmante, oltre che piuttosto redditizia. In questa guida di receptionist.it ti illustriamo tutto quello che devi sapere per avviare la tua attività nel settore alberghiero: buona lettura!

I requisiti per aprire un albergo

Aprire un hotel è un’esperienza fantastica per la carriera di un appassionato di hotellerie, ma la verità è che non tutti possono farlo. Chiunque desidera lanciarsi in questa avventura professionale dovrà prima verificare di possedere i requisiti necessari di tipo soggettivo (che riguardano l’imprenditore) e oggettivo (che riguardano la struttura). In particolare:

  • L'imprenditore dovrà dichiarare di essere in posesso di alcuni requisiti di tipo morale, cioè non deve essere stato condannato per reati di qualunque tipo e non deve trovarsi in situazioni di incapacità ad obbligarsi; non manchiamo di menzionare anche il requisito inerente alla formazione, per il quale è necessario aver terminato gli studi obbligatori;

  • La struttura dovrà essere considerata adatta e idonea per ospitare i clienti: si dovrà quindi verificare che l'edificio possieda tutte le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità competenti e che sia conforme agli standard di qualità previsti dalla legge.

Continua a leggere per scoprire più dettagli!

Quanto costa aprire un hotel?

Impossibile non porsi questa domanda, soprattutto nelle fasi iniziali. Disporre di un budget adeguato costituisce di fatto uno dei requisiti essenziali che rende possibile coronare il sogno di aprire un hotel, per questo è necessario valutare attentamente tutti i costi da sostenere. In questo puoi aiutarti redigendo il business plan, un documento indispensabile che contiene tutto ciò che riguarda il tuo progetto imprenditoriale. Se pensi di non essere in grado di procedere in autonomia il nostro consiglio è quello di affidarti a un professionista: è una spesa in più da sostenere, ma ne vale la pena!

La pianificazione è importante, ma non sempre le cose vanno nella direzione che vorremmo: potrai sicuramente ipotizzare delle spese fisse, ma gli imprevisti in questo settore sono frequenti e davvero difficili da prevedere. Diciamo che - in linea di massima - l’ammontare delle spese può variare in base alle dimensioni dell'albergo, alla sua ubicazione e ai servizi offerti. Tra i principali costi da considerare ci sono sicuramente quelli relativi all'acquisto o alla locazione di un immobile, all'arredamento e agli impianti, nonché al personale. Per non parlare degli investimenti più strategici, come quelli per le attività di marketing.

Quindi, di quanti soldini stiamo parlando? Parecchi, in realtà. Si parte dai 100.000€ circa per gli hotel di piccole dimensioni fino a cifre con sei zeri per chi desidera aprire un albergo di lusso. Chiaramente affidarsi a catene di hotel in franchising può essere un ottimo compromesso se non si dispone di una cifra sufficiente per avviare un’attività in proprio, ma comunque tieni sempre a mente che dalle spese non si scappa. In alternativa, puoi pensare di richiedere un finanziamento a fondo perduto, ma in quel caso dovrai rispondere a requisiti più specifici.

L’iter burocratico da seguire per aprire un hotel

Aprire un hotel può sembrare un'impresa ardua, ed infatti non è proprio la cosa più semplice del mondo. Non siamo mica qui per mentirti! Premesso che i requisiti ed i costi ormai li abbiamo smarcati, procediamo ad illustrarti gli step da seguire per l’avvio formale - sulla carta, insomma, della tua attività. In questa direzione dobbiamo anticipare che la burocrazia italiana è piuttosto complicata da affrontare - questo un po’ per tutte le tipologie di impresa - ma con un po' di pazienza ed il giusto supporto è possibile raggiungere il proprio scopo. Ma vediamo un po’ più nel dettaglio:

  • Aprire la Partita IVA con il giusto codice ateco:
  • Iscrivere l’attività al Registro delle imprese;
  • Aprire le posizioni INPS e INAIL;
  • Inviare la SCIA al Comune di appartenenza;
  • Ottenere i certificati dell’ASL in merito a salute e sicurezza;
  • Richiedere al Comune l’ok per l’insegna;
  • Pagare i canoni per la trasmissione di programmi televisivi e musicali.

Il nostro consiglio - ancora una volta - è quello di affidarti ad un esperto, magari un commercialista con esperienza in procedure di avviamento di imprese. È quasi fatta, e se chiudiamo gli occhi noi già immaginiamo il tuo hotel, ricco di servizi e in una location davvero fantastica!

Come possiamo supportarti ulteriormente? Selezionando per te i migliori professionisti del settore hotellerie: receptionist, concierge, camerieri ai piani e tanti altri. Raccontaci di cosa hai bisogno, noi ti proporremo i nostri servizi HR come ad esempio la somministrazione di lavoro e l’outsourcing di personale. Non vediamo l’ora di conoscerti!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Quante tipologie di strutture ricettive esistono in Italia e in base a cosa si distinguono le une dalle altre? Scopri di più in questa guida di receptionist.it.
Leggi guida
Dal marketing non si scappa. Soprattutto nell'hotellerie, un settore in cui differenziarsi è più che fondamentale: scopri di più in questa guida!
Leggi guida